giovedì 10 luglio 2008

Le ciliege di Chiaiano di Pina Alberello

Oggi lascio spazio ad un'altra donna, Pina Alberello che vive in valle di susa ma ha legami ancora forti con il suo paese.. Chiaiano, Napoli.


Ciao a tutte.. io sono di Napoli, quartiere Stella (la Sanità) e sono cresciuta a Chiaiano. Se qualcuno di voi ha visto i reportage su Chiaiano, avrà visto le campagne e le ciliegie che raccoglievo con mio madre per portarle al mercato. A Chiaiano vivono ancora mamma e i miei due fratelli con le loro famiglie. Non siamo camorristi e neanche terroni analfabeti. Mio padre non c'è più e ho pensato a lui tantissimo in questi giorni.. mi sono detta meglio che sia morto perchè adesso vedrebbe lo scempio dei 2 figli che finalmente hanno comprato casa a Chiaiano a pochi metri dalle cave. Vedrebbe un figlio poliziotto che non può partecipare alla protesta e l'altro sulle barricate. Questa storia parte da dentro di ognuno di noi, ci cambia e ci fa ritrovare. Ora Chiaiano è più vicina al centro della città grazie alla metropollitana. Ma Chiaiano resta una realtà prevalentemente contadina, con una sagra della ciliegia a fine maggio che richiama tantissima gente. A 500 mt dalla cava sorgono i più importanti ospedali della città, anzi, il Cardarelli è il più importante di tutto il sud. Nel maggio di un anno fa sono tornata a Chiaiano. Appena entrati a Napoli abbiamo cominciato a vedere i cumuli di spazzatura .. ero incredula. Una cosa è sentire parlare, un'altra è verificare. Un anno fa nessuno sapeva dei "piani" sulle cave. Il 27 aprile sono ritornata a Napoli: ancora tanta, tanta spazzatura, nonostante De Gennaro. Ma c'era qualcosa di nuovo: il progetto di fare della cava il sito di scarico di tutta la monnezza di Napoli. Tanta gente in questi giorni mi dicono con ironia "perchè fate tanto casino? che c'è di male a fare una discarica? siete i soliti terroni!" Vedete, i napoletani, e ancora prima i chiaianesi, vogliono la discarica, anche a Chiaiano ma deve essere un sito di compostaggio dell'umido perchè la cava è di tufo e sotto c'è una falda acquifera e può essere utilizzata soltanto per una forma di trattamento dell'umido. GUAI A RIVERSARCI DI TUTTO, rischio avvelenamento come a Pianura, casi di tumore e malformazioni. Ecco perchè la gente protesta, sa che ne mezzogiorno d'Italia, che a Napoli, a Chiaiano, le cose vengono fatte a schifio. Sa che se Berlusconi dice "saranno costruiti 4 inceneritori": per i napoletani, i campani e i meridionali significa che di questi 4 forse ne saranno ultimati 2 e ne entrerà in funzione 1, perchè il business dei soldi pubblici al sud è il grande gioco dei prestigiatori della mafia-politica. A Chiaiano si protesta perchè si sa che se sarà fatta la discarica nessuno saprà cosa ci mettono dentro. Qui vorrei farvi notare un particolare: la nuova legge prevede che i siti di stoccaggio rifiuti diventino siti militari e che rientrino nel segreto di stato. Chi svela il segreto rischia 5 anni di galera. Domanda: come faranno i sindaci a garantire trasparenza ai cittadini? Dove va a finire il diritto alla salute sancito dalla nostra costituzione e dalla carta delle N.U.? I terroni, i camorristi, i facinorosi (come ci ha definiti il ministro Maroni) la "gentaglia" di Chiaiano questo lo ha capito, come pure ha capito che non si può dialogare con una pistola alla tempia. Quanto alla stampa ufficiale, beh con un premier che detiene il potere dell'informazione come puoi sperare nella verità? La verità è che siamo a maggio e a Chiaiano le parrocchie sono piene di gente, soprattutto donne, per il fioretto di maggio alla Madonna, la verità è che quelle donne, molte mie amiche, vicine, cugine, parenti vanno sulle barricate dopo la messa e si siedono a terra. E' così che hanno aspettato le forze dell'ordine, sedute a terra e gli uomini dietro con le mani alzate la sera del 23 maggio quando la polizia, i carabinieri, hanno caricato donne vecchi e uomini tutti con le mani alzate. Tra loro studenti, impiegati, insegnanti, contadini, operai .. mio fratello con il quale durante le elezioni ho litigato (anche con l'altro) perchè ha dato il voto convindo al PDL. Tanti, tantissimi voti da Chiaiano a Berlusconi, Per questo la protesta è fortissima, è popolare, è spontanea, è APARTITICA, è una protesta che nasce dal bisogno di far valere i propri diritti. Una protesta che vogliono fare passare come camorristica e facinorosa. A Chiaiano stiamo protestando per tutti, per L'Italia. Chiaiano ha dimostrato che governo e opposizione è tutt'uno, da una parte i politici e dall'altra la gente. Per questo su Chiaiano c'è censura e DISINFORMAZIONE. A NOI SERVE SOLO LA SOLIDARIETA', della gente come noi, come voi.

2 commenti:

ellysa ha detto...

Immagino quanto sia difficile vivere in simili situazioni... Sono stata a Napoli a marzo ed ho pensato che mai mi sarei potuta adattare ad una città così.
Egoisticamente verrebbe da pensare meno male che noi viviamo qui, seppur con mille problemi (come Minu anche io sono alla ricerca di un impiego)ma comunque con una parvenza di tranquillità intorno.
Purtroppo a Napoli le persone con la tua consapevolezza sono in minoranza, e ancora meno erano tantissimi anni fa, quando mafia e camorra hanno messo indisturbate le radici. Ora estirparle non è certo facile...

RED ha detto...

Mi piace molto l'idea di dare spazio a idee, considerazioni, esperienze vissute da donne, con il punto di vista delle donne ... forse se qualcuna di noi fosse nei posti giusti, tante questioni verrebbero affrontate in modo più serio e consapevole !